Chi siamo Contattaci Blog Tel: (+39) 092445834

Quali sono le competenze perito industriale edile?

Il Perito industriale per l'edilizia è una figura che ricopre un ruolo non molto lontano da quello svolto da ingegneri o architetti focalizzandosi su studio e disegno di progetti, di collaudi ricoprendo anche ruoli importanti ai fini dell'organizzazione del lavoro all'interno del cantiere, nonché per l'osservanza delle norme di sicurezza. Tuttavia, su questa figura ci sono spesso dei dubbi relativi a quello che può o non può fare nello specifico, dubbi che portano ad una domanda specifica: quali sono le competenze del perito industriale edile? In questo articolo, attingendo dalle direttive e dai riferimenti normativi dell'ordine dei periti, forniremo una risposta completa a tale quesito.

Cosa può fare un perito edile?

Rispondiamo alla domanda prima in generale per poi scendere nel dettaglio ed elencare le competenze specifiche. Il perito industriale può svolgere le funzioni esecutive per i lavori inerenti alla loro specializzazione. Nel nostro caso si parla di tutte le funzioni legati al settore edile, compresi progettazione e direzione di modeste costruzioni civili, misura, contabilità e liquidazione dei lavori di costruzione. Per essere meno vaghi, il perito industriale ha le seguenti competenze:

Progettazione di opere in c.a. ed edificazione in zone sismiche

Per quanto riguarda le competenze in materia di progettazione di opere in cemento armato, la normativa precedente (Regio Decreto 16 novembre 1939, n. 2229) attribuiva il potere di firma solo ad architetti ed ingegneri regolarmente iscritti all'ordine professionale e nei limiti delle rispettive attribuzioni. L'evoluzione si ha con la Legge 5 novembre 1971, n.1086, che estende questo potere di firma del progetto esecutivo di opere in c.a. anche al perito industriale edile iscritto all'albo e nei limiti delle proprie competenze.
In maniera analoga, la Legge 2 febbraio 1974, n. 64 introduce il potere di firma per il perito edile, alle medesime condizioni, anche per i lavori di costruzione, riparazione o sopraelevazione di edifici siti in zone sismiche. Il limite è quello citato in precedenza, ed è relativo alle "modeste costruzioni civili".

Accertamenti tecnici relativi a locali di pubblico spettacolo

Inizialmente, per verifiche e accertamenti tecnici relativi ai locali di pubblico spettacolo, la competenza era attribuita solo ad ingegneri e geometri tuttavia, dopo una lunga diatriba legale del CNPI terminata con un ricorso al TAR del Lazio la situazione è cambiata. Da quel momento in poi tra le competenze dei periti industriali rientra anche la possibilità di effettuare verifiche ed accertamenti su locali e impianti con capienza pari o inferiore a 200 persone.

Competenze nella direzione e organizzazione dei cantieri

Per quanto riguarda l'organizzazione e la direzione dei lavori all'interno dei cantieri, il perito industriale è qualificato per rivestire uno dei seguenti ruoli:

  1. CSP o coordinatore per la sicurezza nei cantieri in fase di progettazione;
  2. CSE o coordinatore per la sicurezza nei cantieri in fase di esecuzione;

La normativa in vigore in materia, infatti, prevede che per ricoprire questi due ruoli il soggetto debba avere dei requisiti specifici identificabili con:

  • Titoli di studio;
  • Comprovata esperienza lavorativa;
  • Corso di formazione specifico.

Tra i titoli di studio figura il diploma di perito industriale nonché l'attestazione comprovante l 'esperienza di almeno 3 anni nel settore delle costruzioni.
VEDI ANCHE: Coordinatore per la Sicurezza - compiti, requisiti minimi e parcella

Competenze nelle operazioni catastali

In ambito di operazioni catastali il perito industriale ha cmpetenze relative a:

  • Frazionamenti di particelle;
  • Cambiamenti nello stato dei terreni;
  • Dichiarazioni di unità immobiliare di nuova costruzione per l'iscrizione nel catasto.

I riferimenti normativi di ciò sono:

Riferimento normativo Competenze attribuite al Perito Edile
D.P.R. 1 dicembre 1949 n.1142 potere di firma su dichiarazioni ai fini della proprietà immobiliare
Legge n.679 del 01 ottobre 1969 potere di firma sul tipo mappale
D.P.R. 26 ottobre 1972 n.650 potere di firma sul frazionamento di particelle

Competenza per l'assistenza tecnica nei ricorsi tributari

In materia di disposizioni sul processo tributario, il riferimento normativo è il D.Lgs 546 del 1992, il quale all'articolo 12 detta disposizioni sull'assistenza tecnica dei ricorsi proposti in campo fiscale, prevedendo che le parti debbano essere assistite in giudizio da un difensore abilitato. Il perito industriale per l'edilizia, viene considerato idoneo a ricoprire il ruolo di difensore abilitato per:

  • materie concernenti l'estensione, il classamento dei terreni;
  • la ripartizione dell'estimo fra i compossessori a titolo di promiscuità di una stessa particella;
  • la consistenza e il classamento delle singole unità immobiliari urbane;
  • l'attribuzione della rendita catastale.

Competenze nell'attività di prevenzione incendi

Secondo il DM 25 marzo 1985 i periti industriali rientrano tra i professionisti con competenza in materia di prevenzione incendi, questo rende i periti industriali autorizzati a rilasciare:

  • il certificato di prevenzione incendi;
  • la certificazione necessaria ai fini dell'approvazione di un progetto;
  • il nulla osta provvisorio.

Tuttavia, per poterlo fare, i tecnici devono presentare domanda di iscrizione in appositi elenchi del Ministero dell'Interno, subordinata al possesso dei seguenti requisiti:

  • iscrizione all'albo professionale da almeno 2 anni;
  • attestato del corso di specializzazione antincendi previsto.

La perizia giurata di stima di cui alla legge finanziaria 2002

La legge 28 dicembre 2001, n. 448 "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato", all'Art.7 consente ai contribuenti di rideterminare i volori di acquisto di terreno edificabile e di quelli con destinazione agricola. Tale valore viene determinato basandosi su una perizia giurata di stima, a cui si applica l'articolo 64 del codice di procedura civile, che deve essere redatta da professionisti del settore iscritti all'albo, tra questi professionisti figurano anche i periti industriali.

Competenze in tema di qualificazione degli appalti pubblici

Il DPR 34 del 2000 introduce il regolamento per l'istituzione del sistema di qualificazione per gli esecutori dei lavori pubblici, definendo all'articolo 26 le competenze per la direzione tecnica. La figura del direttore tecnico, secondo questa normativa, deve essere un soggetto in possesso di uno dei seguenti requisiti.

  • laurea in ingegneria o architettura;
  • diploma universitario in ingegneria o architettura;
  • diploma di perito industriale edile;
  • diploma di geometra.

Competenze per la sicurezza dei lavoratori

Nello specifico ci riferiamo alla possibilità di ricoprire il ruolo di RSPP o responsabile del servizio di prevenzione e protezione all'interno delle aziende. Ai sensi del D.lgs 81/08 i soggetti che intendono ricoprire questo ruolo devono avere capacità e requisiti professionali specifici, ovvero:

  • titolo di studio non inferiore al diploma;
  • comprovata esperienza nel ruolo di RSPP di almeno 6 mesi (in assenza del titolo di studio);
  • attestato di frequenza di corsi di formazione e aggiornamento specifici per RSPP.

In virtù delle competenze in discipline affini alla sicurezza sul lavoro acquisite con il percorso di studi e l'esperienza lavorativa, il perito industriale edile è considerato un ottimo profilo per ricoprire questo ruolo.

Progettazione e direzione dei lavori delle opere pubbliche

Il perito industriale ha la competenza necessaria per operare nell'ambito delleconsulenze della Pubblica Amministrazione fermo restando il limite della competenza professionale.

Lascia un commento