Accesso/Login Chi siamo Contattaci Blog Tel: (+39) 092445834

Chi è il RSPP: Significato, Compiti, Requisiti, Formazione e Aggiornamento

Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione è una figura obbligatoria ed indispensabile per il mantenimento di un ambiente di lavoro sicuro e sano. Scopriamo chi è il RSPP, quali requisiti deve avere, come si forma, chi lo nomina, quali obblighi e responsabilità ha.

RSPP: Definizione

La definizione di RSPP è data dall'articolo 2 del D.lgs 81 come "persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali di cui all'articolo 32 designata dal datore di lavoro, a cui risponde, per coordinare il servizio di prevenzione e protezione dai rischi". Il significato di RSPP, infatti, è proprio Responsabile del Servizio di Protezione e Prevenzione.

RSPP: Requisiti

Veniamo ora ai requisiti professionali stabiliti dall'articolo 32 che, ricordiamo, devono essere adeguati ai rischi dell'azienda:

  • avere un titolo di studio non inferiore al diploma;
  • possedere comprovata esperienza nel ruolo di RSPP di almeno 6 mesi (in assenza del titolo di studio);
  • essere in possesso dell'attestato di frequenza di corsi di formazione specifici per RSPP;
  • essere in possesso dell'attestato di aggiornamento quinquennale della formazopme per RSPP;

Chi nomina il RSPP?

A nominare il RSPP è il datore di lavoro. per mezzo di un modulo datato e firmato da entrambe le parti che assegna l'incarico al soggetto e va poi conservato insieme al DVR. A seconda dei casi abbiamo e delle caratteristiche dell'azienda, il ruolo di RSPP può essere ricoperto da:

  • Lavoratore interno all'azienda in possesso dei requisiti di cui all'articolo 32;
  • Professionista esterno all'azienda in possesso dei requisiti di cui all'articolo 32;
  • Datore di lavoro, ma solo in certe tipologie di aziende.

Nello specifico, il datore di lavoro può ricoprire il ruolo di RSPP (o meglio, DL SPP) nei seguenti casi:

aziende artigiane ed industriali Fino a 30 lavoratori
aziende agricole e zootecniche Fino a 30 lavoratori
aziende della pesca Fino a 20 lavoratori
altre aziende Fino a 200 lavoratori

VEDI ANCHE: Chi è il RSPP Datore di Lavoro: Normativa, Requisiti e Corso di Formazione

Quanti RSPP possono essere nominati in ogni azienda?

Il decreto 81 stabilisce che è possibile nominare un solo RSPP per ogni azienda ma, in suo ausilio e supporto, è possibile nominare delle figure gerarchicamente inferiori per assisterlo nello svolgimento del suo compito, questi soggetti vengono chiamati ASPP, ovvero Addetti al Servizio Prevenzione e Protezione.

RSPP: Compiti

Ecco quali sono i compiti del RSPP ai sensi dell'articolo 33 del D.lgs 81/08:

  • individuare e valutare i fattori di rischio;
  • individuare le misure per la sicurezza idonee per gli ambienti di lavoro in base alla normativa;
  • elaborare e controllare l'applicazione delle misure protettive e preventive di cui all'art. 28 (Valutazione dei rischi);
  • partecipare alla redazione del DVR;
  • elaborare le procedure di sicurezza per tutte le attività aziedali;
  • proporre programmi e percorsi di formazione e informazione dei lavoratori;
  • partecipare alle consultazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza;
  • partecipare alla riunione periodica prevista dall'art. 35;
  • informare i lavoratori dei rischi aziendali secondo quanto stabilito nell'art. 36;

Corsi di Formazione obbligatori per RSPP

Sul RSPP ricade l'obbligo di formazione, nello specifico, egli è obbligato a frequentare un corso di formazione iniziale strutturato nel seguente modo:

Modulo Durata Descrizione
Modulo A 28 ore modulo base propedeutico agli altri
Modulo B 48 ore corso di specializzazione per la formazione in un determinato settore
Modulo C 24 ore corso di specializzazione su rischi psicosociali, ergonomici e organizzativi

Per quanto riguarda la durata del modulo B ci sono alcuni settori che per via dei rischi specifici connessi necessitano di formazione aggiuntiva, tali percorsi hanno durata diversa a seconda del settore stesso:

  • Agricoltura e Pesca - 12 ore;
  • Cave e Costruzioni - 16 ore;
  • Sanità Residenziale - 12 ore;
  • Chimico e Petrolchimico - 16 ore;

L'aspirante RSPP che avrà concluso tutti i moduli previsti dovrà sostenere un esame di valutazione finale per ottenere l'attestato che certifica le sue competenze e conoscenze in materia.
Tale attestato tuttavia va regolarmente aggiornato ogni 5 anni tramite corsi di aggiornamento di 40 ore.

Esonero dal corso di formazione iniziale

Sono esonerati coloro che risultano in possesso di laurea in una delle seguenti classi

  • L7 ingegneria civile e ambientale
  • L8 ingegneria dell'informazione
  • L9 ingegneria industriale
  • L17 scienze dell'architettura
  • L23 scienze e tecniche dell'edilizia
  • LM26 ingegneria della sicurezza;

Tuttavia vige comunque l'obbligo dell'aggiornamento.

Commenti

  • Stefano 07/09/2021 - 12:51

    Buongiorno, un' azienda che ha due sedi, ha bisogno di un rspp per ogni sede? se una stessa sede viene condivisa da più società c'è bisogno di un dvr per ogni società o ne basta uno? grazie.

    Rispondi
    Redazione Pedago.it 24/09/2021 - 15:05

    Salve, di norma in ogni azienda può essere nominato un solo rspp (coadiuvato da eventuali aspp), anche per diverse unità produttive. per quanto riguarda la seconda domanda, ciascuna delle due aziende è obbligata a redigere il dvr in base alla natura del proprio lavoro e all'entità del proprio livello di rischio. inoltre, bisognerà anche valutare gli eventuali rischi di interferenza tra le due attività lavorative (se presenti).

  • Patrizia 19/11/2020 - 09:32

    Il medico competente è una figura obbligatoria nei comuni piccoli?

    Rispondi
    Redazione Pedago.it 19/11/2020 - 14:39

    Salve, il medico competente è, ai sensi del d.lg81, il sanitario in possesso dei titoli professionali e dei requisiti previsti, che collabora ad effettuare la valutazione dei rischi e mette in atto la sorveglianza sanitaria tutelando lo stato di salute e la sicurezza dei lavoratori. l'obbligo di nomina deriva dalla tipologia di azienda.

  • Andrea 11/10/2020 - 16:04

    Un lavoratore autonomo senza dipendenti, è obbligato al corso rspp?

    Rispondi
    Redazione Pedago.it 23/10/2020 - 15:42

    No, ma in ogni caso ? necessario un corso di formazione adeguato al livello di rischio del lavoro che svolge

Lascia un commento