Chi siamo Contattaci Blog Tel: (+39) 092445834

RLS: significato, nomina, compiti, stipendio e formazione

Nel seguente articolo parleremo di un importante attore della sicurezza sul lavoro: il RLS.
Scopriremo cosa dice la normativa in vigore a riguardo, elencandone la definizione, i compiti, le modalità di nomina, gli obblighi formativi previsti e molte altre informazioni utili, fornendo un quadro chiaro e dettagliato

Chi è il RLS: Definizione

Il termine RLS, il cui significato è Responsabile dei Lavoratori per la Sicurezza, indica una delle importanti figure previste dal D.Lgs 81/08, nel quale viene definito come "la persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro".
Si tratta di una figura la cui nomina è obbligatoria in ogni azienda che abbia almeno un dipendente.

La nomina del RLS

Una delle domande più frequenti sulle figure previste dal Testo Unico della Sicurezza è: come viene nominato?
Ebbene, in questo caso è più corretto indicare da chi viene eletto o designato, in quanto sono gli stessi lavoratori a sceglierlo secondo modalità diverse in base alle caratteristiche dell'azienda, ovvero:

  • in aziende con 1 lavoratore
    è il lavoratore stesso a una dichiarazione in cui attesta di voler ricoprire il ruolo, tuttavia, non è obbligato a farlo e in caso di rinuncia il Datore di Lavoro è tenuto ad affidare tali compiti ad un RSLT;
  • in aziende fino a 15 lavoratori
    l'elezione viene effettuata dai lavoratori stessi e può avvenire scegliendolo tra i dipendenti interni all'azienda stessa o in alternativa ne verrà nominato uno per più aziende dell'ambito territoriale o comparto produttivo ai sensi dell'art. 48;
  • in aziende con più di 15 lavoratori
    è eletto dai lavoratori nell'ambito di rappresentanze sindacali o, qualora non si raggiunga un esito definitivo da queste, viene individuato scegliendo tra i lavoratori dipendenti dell'azienda;

Una volta eletto, al Datore di Lavoro spetta l'obbligo di effettuare la comunicazione all'INPS, procedura che va ripetuta annualmente, pena la sanzione di 500 €.
Non sono previste sanzioni per la mancata elezione del RLS, nonostante vi sia l'obbligo, ma in questo caso il Datore di Lavoro dovrà fare affidamento su un Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale o RLST.
Ricordiamo che ai fini della nomina non potrà essere nominato RLS chi già ricopre il ruolo di RSPP per incompatibilità tra i due ruoli.

Quanti RLS devono essere nominati in azienda?

Il quantitativo di RLS da nominare è stabilito dalla normativa in base al numero di lavoratori presenti in azienda, ecco uno schema riassuntivo:

Numero di Lavoratori in Azienda Numero di RLS da eleggere
da 1 a 200 1
da 200 a 1.000 3
da 1.001 in poi 6

Cosa Fa: Compiti e Doveri

Il compito principale, nonchè il motivo che ha condotto il legislatore ad istituire l'obbligo di questa figura, è rappresentare i lavoratori per quanto riguarda la salute e la sicurezza sul lavoro.
La normativa vigente, nella fattispecie l'art. 50 del D. Lgs. 81/2008, per far si che il RLS svolga il suo compito di rappresentanza nel migliore dei modi, stabilisce che egli deve:

  • avere accesso luoghi di lavoro in cui sono presenti rischi;
  • essere consultato dal datore di lavoro quando egli esegue la valutazione dei rischi, in tutte le sue fasi;
  • ricevere una copia del documento di valutazione dei rischi o DVR;
  • essere consultato per la nomina di RSPP e ASPP, addetti al primo soccorso, addetti antincendio, addetti emergenze;
  • ricevere e vagliare informazioni, dati e documenti sulla valutazione dei rischi e sulle misure di prevenzione relative e su tutte le valutazioni provenienti dal servizio sorveglianza fisica e di videosorveglianza;
  • promuovere l'elaborazione, l'individuazione e l'attuazione delle misure di prevenzione idonee a tutelare la salute e l'integrità fisica dei lavoratori, proponendo piani e misure per la prevenzione;
  • monitorare l'attività di prevenzione ed avvertire il responsabile dell'azienda dei rischi individuati nel corso della sua attività;
  • partecipare alla riunione periodica in materia di salute e sicurezza di cui all'art. 35 del Decreto 81;
  • pronunciarsi in merito a visite e verifiche effettuate dalle autorità competenti;
  • fare ricorso alle autorità competenti qualora ritenga che le misure di prevenzione e protezione dai rischi adottate dal datore di lavoro e i mezzi impiegati per attuarle non siano idonee a garantire la sicurezza e la salute durante il lavoro.

Formazione e Aggiornamento del RLS ai sensi del D.lgs 81/08

Secondo quanto disposto dal Testo Unico per la Sicurezza sul RLS ricade l'obbligo formativo e il diritto di ricevere una formazione idonea tramite specifici corsi di sicurezza volti a fargli acquisire le consocenze teoriche e le competenze tecniche per svolgere al meglio il suo ruolo di rappresentante dei lavoratori.
Nello specifico, l'obbligo stabilisce che:

  • l'RLS è tenuto a frequentare un corso di formazione iniziale;
  • l'RLS è tenuto ad aggiornare la sua formazione con un corso di aggiornamento annuale;

Il corso di formazione iniziale avrà la durata di 32 ore le quali termineranno con un test di valutazione finale superato il quale si otterrà l'attestato di RLS, non è fissato esplicitamente un limite di tempo entro cui l'RLS deve ricevere la formazione, ma dagli articoli 18 e 50 si deduce che essa debba iniziare subito dopo l'elezione.
Per quanto riguarda l'aggiornamento invece la sua durata cambia in base al numero di dipendenti dell'azienda:

  • per RLS di aziende fino a 50 lavoratori il corso di aggiornamento è di 4 ore;
  • per RLS di aziende oltre a 50 lavoratori il corso di aggiornamento è di 8 ore;

I corsi RLS online sono validi?

L'Accordo Stato-Regioni del 7 luglio 2016 ha stabilito che alcuni dei corsi obbligatori per la sicurezza siano validi e riconosciuti anche se erogati online tramite la modalità e-learning o blended.
I corsi di formazione e aggiornamento per RLS rientrano tra questi ma hanno una particolarità:

  • i corsi di aggiornamento per RLS sono sempre validi se fatti online;
  • i corsi di formazione iniziale sono validi solo se specificato nel rispettivo CCNL;

A tal proposito vi consigliamo la proposta formativa di Corsisicurezza.it, che per gli RLS offre i seguenti corsi:

Corso Durata Modalità
Formazione Iniziale RLS 32 ore E-Learning
Aggiornamento RLS 4 ore/8 ore E-Learning

Lascia un commento