Telefono: (+39)092445834

Il Certificatore Energetico: requisiti, normativa e corsi per l'abilitazione

La Certificazione Energetica è uno strumento importante per conoscere un immobile. Ecco perchè la figura di Certificatore Energetico è molto richiesta! Ecco a cosa serve, i requisiti per lavorare, come iscriversi all'albo ed abilitarsi al rilascio dell'APE.
La Certificazione Energetica è uno strumento importante per conoscere un immobile e valutare se acquistarlo sia conveniente. Ecco perchè la figura di Certificatore Energetico è molto richiesta! Aiuta infatti a stabilire gli interventi di riqualificazione energetica di un immobile ma anche a conoscerne le caratteristiche in relazione ai consumi.
Il Professionista abilitato alla stesura della Certificazione Energetica è esperto nella valutazione del fabbisogno energetico degli edifici, nella conoscenza dei determinati indici energetici ed è in grado di offrire diversi spunti o consigli per migliorare l'efficenza energetica in termini di risparmio e/o di prestazioni.

Cos'è la Certificazione Energetica (APE)? chi la fa e come ottenerla

L'Attestato di Prestazione Energetica o APE rappresenta la certificazione descrittiva delle caratteristiche energetiche degli edifici.
​Attraverso l'APE è possibile stabilire la prestazione energetica di un immobile.
L'APE può essere redatto esclusivamente da un tecnico abilitato in qualità di Certificatore Energetico. Tale tecnico deve necessariamente essere iscritto ad un ordine professionale nel contesto delle proprie competenze, e deve essere necessariamente essere iscritto all'Albo Certificatori Energetici della Regione in cui svolge la propria attività o professione. Deve insomma essere abilitato, e le sue competenze devono essere riconosciute.
Le normative di riferimento per la certificazione energetica sono:

Al fine dell'ottenimento dell'APE il professionista incaricato dovrà effettuare l'analisi energetica dell'Edificio tenendo conto di diversi aspetti fondamentali per stabilire le caratteristiche energetiche della struttura immobiliare. Fondamentale è l'analisi degli fattori legati alle pareti e agli infissi, ai sistemi di condizionamento dell'aria calda e fredda, la tipologia dell'impianto installato e l'eventuale presenza di sistemi di produzione di energia rinnovabile come i pannelli solari.
A conclusione di tale analisi il certificatore dovrà sintetizzare le caratteristi energetiche dell'edificio attraverso la Targa Energetica.

Certificazione Energetica: la normativa aggiornata

Le nuove norme UNI/TS 11300 e UNI 10349 entrate in vigore il 29 giugno 2016, relative rispettivamente alle prestazioni energetiche e ai dati climatici correlati al riscaldamento e raffreddamento degli Edifici, rappresentano l'aggiornamento dei metodi di calcolo delle prestazioni energetiche degli edifici.
I professionisti "addetti ai lavori" al fine di redigere l'APE dovranno fare riferimento alle novità stabilite dalle nuove norme UNI.
In particolare le novità introdotte dalle nuove norme UNI riguardano:

  • revisione della UNI/TS 11300-4
    relativa alle fonti rinnovabili e altri metodi di generazione energetica, tale norma calcola il fabbisogno energetico per la climatizzazione invernale e la produzione di acqua calda sanitaria in quei casi in cui vi è la presenza di generazione di energia termica da fonti rinnovabili;
  • UNI/TS 11300-5
    riguarda le metodologie per la determinazione del fabbisogno di energia primaria degli edifici sulla base dell'energia consegnata ed esportata e la quota di energia da fonti rinnovabili;
  • UNI/TS 11300-6
    stabilisce le tecniche per determinare il fabbisogno di energia elettrica per il funzionamento di impianti, quali: ascensori, scale mobili e sistemi di sollevamento;
  • UNI 10349-1
    è la norma che consente di calcolare le medie mensili per la valutazione della prestazione termo-energetica dell'edificio e metodi per ripartire l'irradianza solare nella frazione diretta e diffusa e per calcolare l'irradianza solare su di una superficie inclinata;
  • UNI/TR 10349-2
    prende in considerazione i dati di progetto;
  • UNI 10349-3
    riguarda ledifferenze di temperatura cumulate.

Come diventare Certificatore Energetico: requisiti e iscrizione all'albo

Per diventare certificatore energetico degli edifici e quindi per rilasciare gli APE, i professionisti devono seguire uno specifico corso di formazione della durata minima di 80 ore, con esame finale abilitante e con apposita iscrizione all'Albo dei Certificatori.
Il corso, vista l'importanza del lavoro svolto dall'addetto che si intende formare, richiede dei requisiti, in termini di Titolo di accesso.
Si tratta di Diplomi, nello specifico i seguenti:

  • meccanica, meccatronica ed energia;
  • elettronica ed elettrotecnica;
  • agraria, agroalimentare e agroindustria (o perito agrario) ingegneria edile-architettura;
  • costruzioni, ambiente e territorio (o geometra),
  • perito industriale con specializzazione in edilizia, elettrotecnica, meccanica, termotecnica.
  • aeronautica;
  • energia nucleare;
  • metallurgia;
  • navalmeccanica;
  • metalmeccanica.

L'attestato abilitante deve essere rilasciato da enti accreditati e riconosciuti e, spesso, è valido per il conseguimento di crediti formativi professionali presso i maggiori ordini e collegi.
Scopri il Corso per Certificatori Energetici di 80 ore

Lascia un commento