Accesso/Login Chi siamo Contattaci Blog Tel: (+39) 092445834

Chi è il preposto per la sicurezza sul lavoro: definizione, nomina, compiti e sanzioni

Tra le principali figure coinvolte nell'organizzazione e nella gestione della sicurezza nei luoghi di lavoro viene spesso annoverato il Preposto, una figura con compiti e obblighi specifici. Ma che ruolo ha veramente il preposto? quali sono i suoi compiti? come e da chi viene nominato? deve ricevere una formazione specifica?
Scopriamolo insieme.

Definizione di Preposto per la Sicurezza

La definizione di preposto per la sicurezza è contenuta nel D.lgs 81/08 all'articolo 2, che lo descrive come:

"persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell'incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l'attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa"

Fatta eccezione per alcuni casi specifici, la nomina del preposto non è obbligatoria, ma frutto di una scelta organizzativa del datore di lavoro.

Quando il preposto è obbligatorio

Il preposto per la sicurezza è obbligatorio per le seguenti attività:

  • montaggio e smontaggio delle opere provvisionali;
  • costruzione, sistemazione, trasformazione o smantellamento di una paratoia o di un cassone;
  • lavori di demolizione;
  • lavori in spazi confinati;
  • lavori di installazione di segnaletiche stradali;

Nomina del Preposto per la Sicurezza

Nel caso in cui il Datore di Lavoro decida di nominare ufficialmente un preposto per la sicurezza, deve provvedere alla stesura di una lettera di nomina che dovrà avere le seguenti caratteristiche:

  • deve recare data certa;
  • deve conferire al preposto tutti i poteri di organizzazione, gestione e controllo necessari a svolgere i compiti che gli saranno affidati;
  • deve essere accettata dal preposto per iscritto;

Compiti del Preposto per la Sicurezza

L'art. 19 del D.Lgs 81 attribuisce al preposto per la sicurezza i seguenti compiti e obblighi:

  1. sovrintendere e vigilare sui lavoratori controllando che attuino le disposizioni e gli obblighi in materia di sicurezza;
  2. assicurarsi che le zone esposte a rischio grave e specifico siano accessibili solo a lavoratori con una formazione adeguata;
  3. richiedere l'osservanza delle procedure di emergenza, dando istruzioni ai lavoratori su come abbandonare la zona pericolosa se è necessario;
  4. informare tempestivamente i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato;
  5. astenersi dal chiedere ai lavoratori di riprendere le attività se la situazione di pericolo grave e immediato persiste;
  6. segnalare tempestivamente al datore di lavoro tutte le irregolarità riscontrate nei mezzi, nelle attrezzature, nei DPI;
  7. fare rapporto al datore di lavoro su ogni condizione di pericolo riscontrata durante l'attività lavorativa
  8. frequentare corsi di formazione e aggiornamento in materia di sicurezza;

VEDI ANCHE: Cosa fa il preposto per la sicurezza?

Sanzioni per il preposto

Il preposto che commette inadempienze nei confronti dei suoi obblighi è punito con le seguenti sanzioni:

Inadempienza Sanzione
Mancata vigilanza sull'osservanza da parte dei lavoratori degli obblighi e delle disposizioni in materia di sicurezza Arresto da 1 a 3 mesi e ammenda da 500 € a 2.000 €
Aver chiesto ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione in cui persiste pericolo grave ed immediato Arresto da 1 a 3 mesi e ammenda da 500 € a 2.000 €
Non aver segnalato tempestivamente a datore di lavoro o dirigente situazioni di pericolo di cui era a conoscenza sulla base della formazione ricevuta Arresto da 1 a 3 mesi e ammenda da 500 € a 2.000 €
Aver permesso a lavoratori che non hanno ricevuto adeguate istruzioni di accedere a zone che li espongono a rischio grave e specifico Arresto fino a un mese o ammenda da 300 € a 900 €
Non aver richiesto l'osservanza delle misure di controllo per le situazioni di rischio in caso di emergenza e non aver dato istruzioni ai lavoratori per abbandonare la zona pericolosa Arresto fino a un mese o ammenda da 300 € a 900 €
Non informare il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato sulle disposizioni prese o da prendere per la protezione del rischio stesso Arresto fino a un mese o ammenda da 300 € a 900 €
Non aver frequentato gli appositi corsi di formazione e aggiornamento Ammenda da 300 € a 900 €

Formazione Obbligatoria: Corsi per il Preposto per la Sicurezza

Tra gli obblighi e i compiti del preposto è presente "Frequentare gli appositi corsi di formazione", questo perchè come specificato più volte in questo articolo, il requisito principale oltre al potere gerarchico, è la competenza specifica. L'articolo 37 del D.Lgs. 81/08 e l'Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 dispongono,che i Preposti frequentino dei corsi di formazione obbligatoria in materia di sicurezza, della durata di 8 ore e provvedere a rinnovare le proprie competenze con scadenza quinquennale frequentando corsi di aggiornamento della durata di 6 ore. Gli argomenti affrontati nei corsi saranno simili a quelli trattati nel corso per Dirigenti.
Scopri i Corsi per il Preposto

Lascia un commento