Telefono: (+39)092445834

Milano, nasce UpTown: il primo Smart District in Italia

Milano, nasce UpTown: il primo Smart District in Italia

Nuovo record per la città metropolitana di Milano che festeggia l'inizio dei lavori di costruzione di uno dei distretti abitativi più green di Europa. Impatto zero, domotica, spazi verdi e di aggregazione, servizi funzionali al benessere dei residenti: sono i capisaldi del progetto residenziale più smart e innovativo d'Italia.
"Molti cercano una città nella città, lontano dal caos, ma sempre connessa alla rete e facilmente raggiungibile". Lo stato di salute della città di oggi e del futuro è strettamente legata alle scelte edili ecosostenibili, all'estensione del verde ed alla creazione di spazi sociali di condivisione e integrazione.
É con questo scopo che EuroMilano, società di sviluppo immobiliare di punta nel settore, ha dato il via ai lavori di costruzione del quartiere residenziale 'UpTown', che si trova nella zona Nord Ovest di Milano.
Da sempre ritenuta 'semplice' periferia, la zona è ora protagonista di un progetto di trasformazione e innovazione immobiliare che non ha precedenti in Italia.
Si tratta di un complesso abitativo, di cui già più del 60% delle unità immobiliari sono state vendute 'su carta'. Un totale di 137 appartamenti in residenza libera, classificati A+, circondati da spazi deidcati al verde ed alla socialità. "Ogni edificio sarà dotato di una serie di servizi, quali la palestra e il building trainer, lo spazio nido, l'area di coworking e la lavanderia, l'area polifunzionale e la cucina, garantendo al contempo bassi costi di gestione".
La finalità è offrire ai futuri residenti, e, per estensione, alla città tutta, un nuovo modo di vivere sia all'interno delle proprie case, sia all'esterno. Un sistema pensato per valorizzare a pieno le opportunità offerte dalla edilizia ecosostenibile: un'enorme rete geotermica fornirà energia per il riscaldamento degli edifici, rendendoli totalmente carbon free. Non possono poi mancare luci al Led e pannelli fotovoltaici.
Gli studi di architettura affidatari del progetto sono stati scelti su base concorsuale, ed hanno progettato gli edifici con la nuova tecnologia Bim - Building Information Modeling. La consegna degli appartamenti è prevista per marzo/giugno 2019.
Ecco quindi come soddisfare le esigenze della città di oggi, che è già quella del futuro. Una città sempre più policentrica, con più nodi d'attrazione, e che perciò necessita di essere anche polifunzionale e tenuta insieme da una rete sistemica di servizi di trasporto ed alle persone, efficienti e connessi.