Telefono: (+39)092445834

Industria 4.0: la Quarta Rivoluzione Industriale

All'interno delle Smart Factory nasce il concetto di Industria 4.0 e già si parla di Quarta Rivoluzione Industriale, scopriamone di più

Industria 4.0: la Quarta Rivoluzione Industriale

Il termine Industria 4.0 è stato coniato alla Fiera di Hannover nel 2011 in Germania per indicare la tendenza all'automazione industriale, che ha consentito l'integrazione di tecnologie produttive innovative che hanno migliorato le condizioni di lavoro, la qualità e la quantità produttive degli impianti presenti nelle industrie.
È un dato di fatto che le fabbriche stanno cambiando, si stanno evolvendo diventando sempre più digitali e interconnesse, con nuove modalità di interfacciamento tra uomo e macchina che stanno portando a una progressiva automatizzazione di tutto il processo produttivo.
Di conseguenza il concetto di Industria 4.0 si rivela strettamente legato ed interconnesso a quello di Smart Factory, ovvero di fabbriche dotate di sistemi di lavorazione automatizzati e intelligenti come:

  • Smart Production: ovvero tecnologie produttive innovative contraddistinte dalla collaborazione di tutti gli elementi coinvolti nella produzione ovvero operatore, macchina e strumenti vari.
  • Smart Services: cioè i servizi informatici e le relative tecniche di integrazione che permettono alle aziende di collaborare tra loro, o di erogare servizi ideati per anticipare i problemi e le esigenze del cliente.
  • Smart Energy: ovvero sostentare le aziende secondo i punti cardine dell'Energia sostenibile, con l'ideazione di sistemi energetici a basso consumo ma più performanti.

Tutto questo è possibile grazie ad un altro elemento fondamentale presente in queste futuristiche fabbriche, ovvero i ciber-fisici o CPS. Si tratta di sistemi fisici connessi a sistemi informatici che, tramite le loro capacità di calcolo e comunicazione, riescono ad interagire direttamente e dinamicamente con l'ambiente che li circonda.

Secondo la ricerca "The Future of the Jobs" nei prossimi anni, ma a partire già da adesso, tutti questi nuovi elementi porteranno ad un cambiamento radicale nel mondo del lavoro tanto che si potrà parlare di Quarta Rivoluzione Industriale.
Da uno studio di Boston Consulting sono state individuate le principali tecnologie abilitanti su cui si basa questa rivoluzione, esse sono in tutto 9 :

  • Advanced manufacturing solution: sistemi avanzati di produzione che permettono flessibilità e performance maggiori come sistemi di movimentazioni dei materiali automatici e i cobot, robot in grado di collaborare ultimo ritrovato della robotica avanzata
  • Additive manufacturing: sistemi di produzione additiva che ottimizzano e rendo più efficiente l'uso dei materiali.
  • Augmented reality: sistemi di visione con realtà aumentata per coadiuvare i lavoratori nello svolgimento delle loro mansioni.
  • Simulation: simulazione tra macchine interconnesse per ottimizzare i processi.
  • Horizontal e vertical integration: integrazione e scambio di informazioni in orizzontale e in verticale, tra tutti coloro che partecipano al processo produttivo.
  • Industrial internet: comunicazione non solo interna ma anche esterna tramite l'utilizzo di internet
  • Cloud: aumento dell'utilizzo di tutte le tecnologie cloud all'interno dell'azienda
  • Cyber-security: ovvero la sicurezza dei sistemi di comunicazione sia interni che esterni.
  • Big Data Analytics: sistemi avanzati che permettono di elaborare e gestire una grandissima quantità di dati riuscendo ad effettuare previsioni.

Anche che i governi si stanno preparando a questo cambiamento varando leggi e provvedimenti che agevoleranno il passaggio alle nuove tecnologie, a tal proposito si parla di Piano Nazionale Industria 4.0.
Il Piano prevede misure concrete in base a 3 linee guida, ovvero.

  • operare in una logica di neutralità tecnologica
  • intervenire con azioni orizzontali e non verticali o settoriali
  • agire su fattori abilitanti

e 4 direttrici strategiche:

  • Investimenti innovativi
  • Infrastrutture abilitanti
  • Competenze e Ricerca
  • Awareness e Governance

Inoltre tutte le norme e i provvedimenti emanati nel recente passato per favorire la ripresa delle aziende sono stati potenziati e indirizzati verso la linea di pensiero 4.0.
Gli esperti prevedono che la Quarta Rivoluzione Industriale porterà alla creazione di 2 milioni di nuovi posti di lavoro, a cui purtroppo sarà correlata una perdita di 7 milioni di posti di lavoro già esistenti. L'Italia è stata più fortunata rispetto ad altri paesi, in quanto da noi si è concluso con una sorta di pareggio, 200 000 posti persi ed altrettanti creati.

Come era facilmente prevedibile questo ha diviso l'opinione pubblica, alcuni sono favorevoli e guardano con ottimismo ai benefici del progresso, altri ne colgono gli svantaggi e si dichiarano contrari, ma chi può dire chi siano tra loro i più lungimiranti? "Ai posteri l'ardua sentenza" come direbbe Manzoni.