Telefono: (+39)092445834

Bonus Assunzioni Giovani 2018: cos' e come funziona

Scopri come funzionano gli sgravi contributivi del Bonus Assunzione Giovani 2018 e come richiederli

Bonus Assunzioni Giovani 2018: cos' e come funziona

La legge di Bilancio 2018 ha riconfermato anche per quest'anno il Bonus Assunzioni, per incentivare datori di lavoro titolari di imprese del settore privato ad assumere particolari categorie di lavoratori.
Una di queste categorie composta dai giovani disoccupati, e proprio a loro rivolto il Bonus Assunzioni Giovani 2018.

Bonus Assunzioni Giovani 2018: cos'

Come anticipato il Bonus Assunzioni Giovani 2018 un intervento del Governo mirato a rilanciare l'occupazione giovanile in italia tramite sgravi fiscali che si applicano a partire dall'1° gennaio 2018 fino al 31 dicembre dello stesso anno.
In sostanza il bonus giovani consente alle aziende di assumere giovani tramite un contratto a tempo indeterminato beneficiando di una notevole agevolazione fiscale: uno sgravio contributivo del 50% per una durata di 3 anni e un massimo di 3250 € annui; lo sgravio contributivo sale al 100% in caso di Giovani assunti nelle regioni del Sud.
Nello specifico sono agevolate le seguenti tipologie di contratto:

  • contratto a tempo indeterminato;
  • trasformazione di contratto;
  • prosecuzione di contratto di apprendistato professionalizzante a tempo indeterminato;

per trasformazione di contratto da intendersi un contratto a tempo determinato che viene reso a tempo indeterminato; per quanto riguarda invece la prosecuzione di contratto di apprendistato sar possibile a patto che il giovane non abbia compiuto 30 anni.

Bonus Assunzione Giovani 2018 come funziona lo sgravio contributivo

Come accennato in precedenza, il bonus occupazionale per i giovani disoccupati 2018 consiste in uno sgravio contributivo della durata di 3 anni.
In pratica ogni datore di lavoro o azienda che assume un giovane beneficiario del bonus ha diritto di versare per i successivi 3 anni soltanto il 50% dei contributi obbligatori, con un tetto massimo di 3000 euro annui.
Tuttavia vi sono delle eccezioni che possono influire su questi incentivi facendo salire lo sgravio contributivo triennale fino al 100% per le seguenti categorie di giovani:

  • studenti che hanno effettuato l'alternanza scuola-lavoro presso l'azienda che intende assumerli;
  • Studenti che hanno effettuato l'apprendistato o la formazione presso l'azienda che intende assumerli;
  • giovani disoccupati provenienti dal Sud Italia;
  • Under 29 Neet ossia giovani sotto i 29 anni che non studiano e non lavorano (Garanzia Giovani);

Si tratta di provvedimenti atti ad agevolare l'assunzione e nei primi due casi a riconoscere il valore dell'apprendistato o dell'alternanza effettuata dagli studenti nelle aziende.

Un'altra garanzia per i giovani (e per i disoccupati in generale) che l'azienda che intende assumere giovani che possono usufruire del bonus, non devono aver effettuato licenziamenti nei sei mesi precedenti.
Questa clausola stata pensata appositamente per evitare "atti di furbizia" di datori di lavoro che licenziano dipendenti per assumerne altri risparmiando sugli incentivi.

Requisiti per richiedere il Bonus Giovani 2018

Oltre alla clausola di non aver licenziato dipendenti nei 6 mesi precedenti, i datori di lavoro e le aziende devono soddisfare certi parametri:

  • essere in regola con il DURC;
  • essere in regola con il DVR;
  • non poter licenziare il giovane assunto prima di 6 mesi;
  • non poter assumere giovani che hanno gi beneficiato di un bonus assunzione;

Per quanto riguarda i giovani invece vi sono altri requisiti da rispettare:

  • avere un'et massima di 35 anni compiuti (30 dal 2019);
  • essere senza occupazione;
  • non aver mai avuto un lavoro con contratto a tempo indeterminato;
  • non aver mai usufruito di nessun'altra agevolazione fiscale sull'assunzione;