Telefono: (+39)092445834

Autocertificazione Crediti Formativi per Ingegneri: brevetti, commissioni e pubblicazioni

Il 1 gennaio 2018 è entrato in vigore il Testo Unico degli Ingegneri pubblicato dal CNI che detta le nuove norme per la formazione professionale continua degli ingegneri.
I crediti formativi professionali accumulabili in un anno vanno da un minimo di 30 ad un massimo di 120, di cui 15 cfp possono derivare dalle cosiddette attività di apprendimento informale. In questa categoria rientrano pubblicazioni, brevetti e commissioni, tutte attività tra l'altro soggette ad autocertificazione cfp.
In quest'articolo scopriremo di che si tratta nel dettaglio.

Autocertificazione cfp per Ingegneri: come funziona?

Come anticipato, il CNI riconosce un massimo di 15 cfp annui per attività soggette ad autocertificazione, da presentare all'ente incaricato di verificarle e convalidarle, l'Agenzia CERTING ovvero l'Agenzia Nazionale della Certificazione delle Competenze, istituita dallo stesso Consiglio Nazionale degli Ingegneri.
Tutte le altre certificazioni emesse da soggetti diversi dall'agenzia CERTING sono valide soltanto se si tratta di un ente certificatore qualificato riconosciuto dal CNI.

Nello specifico i crediti formativi vengono assegnati agli ingegneri per le attività di aggiornamento informale inerenti alla propria professione svolte sia da libero professionista che da dipendente pubblico o privato.
Toccherà poi al CNI, in base agli esiti delle opportune verifiche, stabilire quanti crediti formativi spettano al professionista.

Come invare il modulo di autocertificazione cfp ingegneri

Passiamo ora a come inviare l'autocertificazione agli enti preposti al controllo e alla verifica.
Per gestire tutti gli aspetti legati all'obbligo formativo per i professionisti iscritti all'albo degli ingegneri, è stato creato il portale telematico MYNG, che tra le altre cose permette di presentare online il modulo per l'autocertificazione tramite un'apposita sezione a cui si può accedere solo effettuando il login.
Una volta effettuato l'accesso alla sezione Autocertificazioni basterà compilare tutti i campi e fare clic su conferma.
L'ingegnere che effettua questo procedimento riceverà una copia dell'autocertificazione alla sua casella di posta elettronica.
Normalmente il termine ultimo entro cui effettuare l'autocertificazione è il 30 gennaio, ma quest'anno il termine è stato prorogato con un'apposita circolare al 31 marzo.

Per maggiori informazioni, sul portale telematico MYING è presente una FAQ relativa all'autocertificazione

Per quali attività è possibile richiedere l'autocertificazione?

Le attività correlate all'esercizio della professione di ingegnere classificate dal CNI come apprendimento informale e perciò soggette ad autocertificazione crediti formativi sono le seguenti:

Autocertificazione cfp per Brevetti

Il CNI riconosce 10 crediti formativi professionali agli ingegneri per ogni brevetto che abbia ricevuto l'attestato di concessione dall' UIBM, ovvero Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, o da strutture internazionali equivalenti.
I crediti formativi non saranno concessi soltanto al titolare del brevetto ma anche all'inventore se indicato.
Per ottenere il riconoscimento bisogna compilare la modulistica e invarla per via telematica entro il 31 marzo 2019.

Autocertificazione per partecipazione a commissioni di esame

All'iscritto all'albo che partecipa alla commissione di esame di stato per l'abilitazione alla professione di ingegnere vengono riconosciuti 3 cfp per ogni singola sessione, indipendentemente che egli sia un membro effettivo, un aggregato o un supplente che ha partecipato a lavori nella sessione di esame.
La modulistica va compilata e inviata telematicamente entro il 31 gennaio dell'anno successivo, eccetto proroghe comunicate con circolare dal CNI stesso.
La proroga di quest'anno è stata concessa fino al 31 marzo 2019.

Autocertificazione per partecipazione qualificata a organismi, gruppi di lavoro o commissioni tecniche

Verranno attribuiti 5 Cfp a tutti gli ingegneri per la partecipazione qualificata a organismi, gruppi di lavoro, o commissioni tecniche istituite dai seguenti enti:

  • Ministeri;
  • Regioni;
  • Provincie;
  • Comuni;
  • Ente Italiano di Normazione (UNI);
  • Consiglio superiore dei lavori pubblici;
  • Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI);
  • enti equivalenti italiani ed internazionali;

I crediti formativi verranno concessi per ogni incarico ricoperto per almeno 6 mesi nel corso dell'anno solare a patto che l'attività in questione sia stata svolta e portata a termine realmente.
La richiesta va sempre inviata per vie telematiche entro il 31 marzo 2019.
Le istanze tardive non verranno accettate in nessun caso.

Autocertificazione per pubblicazioni di articoli su rivista di settore

Per ogni articolo della lunghezza minima di 5000 caratteri spazi esclusi, pubblicato su riviste indicizzate da SCOPUS o Web o Science o altre importanti testate del settore che riconosciute dall'ANVUR, verranno attribuiti 2,5 cfp.
Lo stesso numero di cfp verrà riconosciuto per le pubblicazioni sulle riviste del CNI.
La data che fa fede per l'autocertificazione è quella di pubblicazione della rivista.

Autocertificazione per pubblicazioni di manuali, libri, monografie, ricerche e studi

Sono riconosciuti 5 crediti formativi professionali per le seguenti pubblicazioni:

  • manuali;
  • libri;
  • monografie;
  • ricerche;
  • studi;

Per questo tipo di certificazione occorre assolvere le formalità previste dalla legge ovvero:

  • consegnare quattro esemplari di ogni stampato alla prefettura della provincia prima di ogni pubblicazione;
  • ogni pubblicazione deve riportare sul frontespizio o sull'ultima pagina del testo l'indicazione del nome e del domicilio dell'editore e dello stampatore e l'anno di pubblicazione.

Autocertificazione per partecipazione ad interventi di carattere sociale

A tutti gli ingegneri che partecipano ad interventi di carattere sociale e umanitario in occasione di calamità naturale verranno assegnati dei Cfp valutati di volta in volta in base al caso specifico dal CNI in concomitanza con l'Ordine Territoriale di pertinenza.

Lascia un commento