Telefono: (+39)092445834

Agenzia delle Entrate lancia la Visura Catastale Telematica: servizio online e procedura

Come si accede alla visura catastale di un immobile online? Ecco cos'è, la procedura da adottare, i costi e come fare la visura catastale storica o attuale tramite il servizio telematico ufficiale dell'Agenzia dell'Entrate.

Visura Catastale: cos'è e la versione online

La visura catastale è un documento fornito dall'Agenzia delle entrate che riepiloga tutti i dati principali di un immobile, ma anche di fabbricati e terreni.
Grazie a questi dati, che consistono in foglio, particella e subalterno, viene calcolata la rendita catastale di un immobile o la reddito dominicale di un terreno. Sull abase della rendita o del reddito viene ulteriolmente desunta l'imposta sul reddito che spetta versare.
Fino ad ora, la visura catastale avveniva secondo canali tradizionali: se ne faceva richiesta presso il catasto, personalmente o per mezzo di agenzie d'affari. Il tutto in modalità cartacea.
Ad oggi, l'Agenzia delle Entrate ha reso disponibile il servizio online Visura Catastale Telematica: frutto dele digitalizzazione della Pubblica Amministrazione, questo strumento consente un accesso facilitato ai dati contenuti in fogli, particelle, subalterni e rendite catastali, spesso indispensabili ai professionisti.
Si ricorda che vengono escluse dal servizio le Provincie autonome di Trento e Bolzano.
Scopriamo in cosa consiste questo servizio, come accedervi, quali dati si possono visionare e/o richiedere nello specifico e con quali costi.
Visura Catastale Telematica: come accedere al servizio online
Per accedere ai documenti e agli atti catastali occorre:

  • Registrarsi su Servizi Finanziari Online di Poste Italiane: unico servizio che consente il pagamento dell'importo dovuto. Potete registrarvi tramite la pagina dedicata da Poste Italiane o recandoci presso qualsiasi sportello a voi più vicino.
  • Accedere alla visura catastale telematica, accettando, inserendo la spunta, le condizioni di utilizzo. Tramite il codice fiscale il sistema riconoscerà o meno se l'utente è autorizzato all'accesso.
  • Effettuato l'accesso ed il riconoscimento, servirà i ndicare l'Ufficio Provinciale Territoriale nel cui ambito di competenza si trovano gli immobili di interesse.
  • All'interno del sistema, si potrà così effettuare una visura per soggetto o per immobile. É inoltre prevista la richiesta e dunque il rilascia di una visura della mappa.
  • inoltrata la richiesta, si potrà scaricare, archiviare e stampare la visura in formato pdf

Occorre inoltre ricordare che esistono corsi online con rilascio di crediti formativi per professionisti, dedicati all'utilizzo di software per la gestione delle comunicazioni catastali.

Quali dati si possono visionare

  • dati identificativi e reddituali dei beni immobili (terreni e fabbricati)
  • i dati anagrafici delle persone, fisiche o giuridiche, intestatarie dei beni immobili
  • i dati grafici dei terreni, nonché la mappa catastale

Quali dati si possono richiedere

  • visure attuali per soggetto, ossia limitata agli immobili su cui il soggetto cercato risulti all'attualità titolare di diritti reali (non è al momento previsto il rilascio della visura per soggetto storica)
  • visure, attuali o storiche, di un immobile (censito al catasto dei Terreni o al Catasto dei Fabbricati), impostando la ricerca attraverso gli identificativi catastali
  • visure della mappa, di una particella censita al Catasto dei Terreni, impostando la ricerca attraverso gli identificativi catastali.

Chi ha accesso ai dati catastali e i costi

L'accesso agli atti e dunque la consultazione e la richiesta dei documenti è aperta a tutti: grazie al principio che vuole la Pubblica Amministrazione come una 'casa di vetro', la trasparenza e l'accessibilità agli atti è di fondamentale importanza.
Certamente, alcune informazioni sono accessibili unicamente agli aventi diritto, come quelle inerenti le planimetrie, la cui consultazione è riservata ai diretti interessati proprietari dell'immobile.
I costi variano in base al tipo di richiesta:

  • Certificati, copie ed estratti delle risultanze degli atti e degli elaborati catastali conservati presso gli uffici: 16€ o 4€ se richiesti dai privati per comprovare la situazione generale reddituale e patrimoniale ai fini della legislazione sul lavoro, di quella previdenziale e di quella sulla pubblica istruzione. Da sommarsi ad altri 4€ per ogni quattro elementi unitari richiesti, o frazioni di quattro.
  • Definizione ed introduzione delle volture, delle dichiarazioni di nuova costruzione e di variazione e aggiornamenti: dai 50 ai 100€.
  • Attestazione di conformità degli estratti di mappa: 14€
  • Consultazione degli atti catastali: 6€

Per maggiori dettagli sui costi si può consultare l'Allegato 1 della Circolare 4/2012 emessa appositamente dall'Agenzia delle Entrate.

Per ogni visura erogata dal servizio "Visura catastale telematica" l'importo dimuisce del 10 per cento (in quanto servizio online) e aumentata del 50 per cento, perchè si tratta di visure fatte in modalità non convenzionali.
Quindi i costi cambiano:

  • visura per soggetto, l'importo è di 1,35 euro per ogni 10 unità immobiliari, o frazione di 10
  • visura, attuale o storica, per immobile, l'importo è di 1,35 euro
  • visura della mappa, l'importo è di 1,35 euro.

Oltre ai tributi catastali saranno addebitate anche le commissioni applicate da Poste Italiane.

Lascia un commento